Trattamenti preventivi nei confronti delle malattie

Per prevenire le malattie fungine che colpiscono i fagioli, possiamo provare con trattamenti a base di:

  •  Decotti di equiseto, che possiamo comprare o anche direttamente preparare, se riuscissimo a trovare la pianta, che cresce facilmente in zone umide;
  • Propoli, preziosa sostanza prodotta dalle api;
  • Zeolite o altre farine di roccia, che creano una sottile barriera meccanica sulla vegetazione.

Le malattie più comuni dei fagioli sono:

  • Antracnosi: malattia favorita dall’umidità, che compare inizialmente sugli steli delle piante e si manifesta con delle tacche, inizialmente superficiali e poi più profonde. Anche sulle foglie e sui baccelli poi si notano le tacche circolari scure del fungo e in generale può portare all’allettamento, ovvero alla caduta a terra, delle piante;
  • Ruggine: Si riconosce per la presenza di tante piccole pustole bruno scure sulle foglie e anche sui baccelli;
  •  Botrite o muffa grigia, che colpisce soprattutto le coltivazioni in serra, ma non solo, e si manifesta con grandi macchie che tendono poi a disseccare l’intera foglia, che si copre della classica muffa;
  • Batteriosi: alcuni batteri causano malattie chiamate comunemente “maculature”, poiché provocano come sintomi, la comparsa di tante piccole macchie, ben visibili sugli organi colpiti.

Trattamenti preventivi nei confronti degli insetti

Gli insetti dannosi si prevengono in molti casi eseguendo altri tipi di trattamento, sempre del tutto ecologici, come quelli a base di:

  • Estratto di ortica fresco, con la pianta tenuta a macerare solo un giorno o due: si ottiene l’allontanamento degli afidi
  • Estratto di aglio, anch’esso allontana gli afidi e altri insetti;

Gli insetti che maggiormente colpiscono i fagioli sono:

  • Afidi: gli afidi sono insetti molto comuni, e danneggiano molto facilmente anche le piante di fagiolo. Il danno è legato al fatto che gli afidi sono presenti in numero enorme sulla pianta, a formare una fitta colonia. Succhiano linfa alla pianta e la riempiono dei loro escrementi zuccherini, chiamati melata. La pianta di conseguenza assume un aspetto deformato e appiccicoso;
  • Piralide del mais: si tratta di una farfalla che non ha come ospite solo il mais, ma anche peperoni e fagioli. La larva scava gallerie, in questo caso nei baccelli, e li porta a marcire.
  • Nottue e tignola: sono altri lepidotteri (farfalle) dai bruchi giallastri o verdi che si insidiano nei baccelli e commettono danni simili a quelli della piralide.
  • Tripidi: Sono piccoli insetti che pungono i baccelli per il loro nutrimento lasciandovi ferite e portandoli a deformazioni. Le femmine depongono le uova sui baccelli e questo è un ulteriore danno che provocano.
  • Aleurodidi, le piccole mosche bianche che attaccano soprattutto in serra.

Trattamenti

Per i trattamenti risolutivi, possiamo utilizzare prodotti efficaci ma ecocompatibili e ammessi anche nell’agricoltura biologica professionale, per difendere le piante sia dalle malattie sia dagli insetti nocivi. Anche questi prodotti sono diluibili in acqua e utilizzabili mediante la comoda pompa a zaino elettrica. Per le colture amatoriali si è più liberi nelle scelte, ma nel caso di coltivazione professionale, anche piccola, è obbligatorio rispettare le seguenti regole:

  • avere il patentino per i trattamenti fitosanitari in corso di validità
  • scegliere solo quei prodotti registrati per l’uso sui fagioli e per i parassiti e le malattie che si devono controllare.

Tuttavia, trattamenti per un insetto possono avere effetti risolutivi anche su altri eventuali insetti presenti.

In ogni caso, bisogna leggere sempre le etichette dei prodotti, che riportano le modalità d’uso e di diluizione, e indossare i dispositivi di protezione individuale.

Prodotti da usare per fermare le malattie

Per arginare le malattie fungine, è usanza comune ricorrere a dei prodotti rameici, soprattutto dopo lunghe piogge, quando le probabilità che le piante si ammalino aumentano decisamente. Il rame non ha l’effetto di guarire le piante, ma di bloccare l’ulteriore espansione del fungo. Per assicurare la massima protezione è importante garantire una copertura massima delle piante col trattamento, ma questo non significa sicuramente aumentare le dosi oltre la quantità riportata sull’etichetta del prodotto.

Insetticidi ecologici

Sono ammessi in agricoltura biologica, e quindi considerati meno impattanti sull’ambiente, i seguenti prodotti:

  • Spinosad: è registrato per l’utilizzo su molte colture e svariati parassiti, in questo caso contro la piralide e le nottue;
  • Il bacillus thuringiensis kurstaki per i fagioli è registrato contro la nottua;
  • Piretro naturale, registrato nella lotta agli afidi;
  • Prodotti a base del fungo antagonista Beauveria bassiana, registrati per la lotta agli aleurodidi.

E per le lumache

Anche le lumache possono fare danni notevoli alla coltivazione dei fagioli, in quanto mangiano le foglie, soprattutto quelle delle piantine giovani, durante la notte. Per risolvere il problema possiamo spargere attorno alle file delle manciate di un lumachicida ammesso in agricoltura biologica composto da ortofosfato di ferro.

Al tuo fianco con:

Foto: Fagiolini in mano

Dott.ssa Agr. Sara Petrucci

Sara Petrucci è Dottore Agronomo e da anni si occupa di agricoltura biologica come scelta professionale ed etica. Ha tenuto molti di corsi di orto per privati, ha collaborato a progetti sociali legati all’orticoltura e scrive articoli. Offre consulenze ad aziende agricole biologiche.