La prevenzione e la difesa biologica della malattia si basa su pratiche agronomiche e mediante l’impiego di ceppi selezionati di microrganismi antagonisti, uno di questi ad esempio è il Bacillus subtilis ceppo QST 713 disponibile in formulazione polvere bagnabile. La soluzione a base di Bacillus subtilis potrà essere irrorata ad inzio primavera quando il rischio d’infezione è più elevato, la distribuzione dovrà avvenire appena prima e subito dopo la fioritura, alcuni prodotti disponibili sul mercato sono registrati specificatamente per l’impiego su pesco, albicocco, susino, ciliegio, nettarino e pomacee. Nei mesi invernali, quando le piante sono a riposo vegetativo e prive di foglie è possibile intervenire con prodotti a base di rame accettati per la difesa biologica. L’applicazione dei prodotti rameici non dovrà essere effettuata quando le gemme sono in fase di apertura o su germogli teneri poiché potrebbe causare fitotossicità

Nelle fasi di progettazione dei frutteti è importante rispettare i sesti d’impianto ed evitare di realizzare coltivazioni troppo fitte dove umidità e bagnatura possono persistere di più. Sul mercato sono disponibili varietà di drupacee e pomacee poco sensibili alla monilia, questo vale soprattutto per l’albicocco che risulta essere una specie molto sensibile.

Ora qualche consiglio per una corretta preparazione e distribuzione delle soluzioni per la difesa delle piante: le soluzioni fitosanitarie da applicare sulle piante dovranno essere preparate seguendo dosi e istruzioni in etichetta ai prodotti e distribuite preferibilmente nelle ore fresche della giornata. Il prodotto una volta pesato nel caso sia in formulazione granulare o polverulenta o misurato a volume avvalendosi di un bicchierino graduato dovrà essere miscelato a un piccolo volume d’acqua, quindi immesso nella pompa che dovrà essere portata a riempimento con l’adeguato volume d’acqua previsto per la dose preparata. La distribuzione sulle piante dovrà essere uniforme ed accurata badando bene di bagnare foglie rametti e tronco, è sempre opportuno operare in assenza di vento e mai durante la fioritura per non arrecare danno ai pronubi. Durante la preparazione della dose e durante la distribuzione dei prodotti è importante indossare i Dispositivi di Protezione Individuale (DPI) di terza categoria: maschera con filtri di tipo AP, occhiali, tuta guanti e stivali.

Al tuo fianco con:

Foto: monilia su pera

Fondazione Minoprio

La Fondazione Minoprio è essenzialmente un Centro di Formazione e un Centro di Servizi per il Lavoro che gestisce un parco storico, agricolo e naturalistico, a 25 km da Milano e 10 da Como, di proprietà della Regione Lombardia.