Nel caso vengano rinvenute piante infette è opportuno estirparle prontamente, cavando ed eliminando anche l’apparato radicale. La buca di estirpazione dovrà essere disinfettata con calce o con solfato di ferro e se possibile lasciata aperta nei mesi più caldi o più freddi dell’anno poiché gli estremi di temperatura contribuiscono a devitalizzare il micelio e le spore del fungo. Nei terreni infetti dove vengono estirpate piante con infezioni di Armillaria è bene aspettare qualche anno prima di mettere a dimora nuovi alberi. Nelle fasi di impianto di alberi da frutta, dopo aver scavato la buca e dopo aver collocato la nuova pianta è bene mescolare al terreno che si userà per ricolmare la buca prodotti contenenti funghi antagonisti e micorrize che svolgono un azione preventiva contro le infezioni di patogeni tellurici come Armillaria, Rosellina necatrix e Phythophtora.

Per prevenire infezioni di Armillaria è importante gestire in maniera ottimale l’umidità del suolo: eccessive irrigazioni determinano asfissie e sofferenze radicali e possono essere fattori predisponenti alle malattie fungine telluriche. Nelle fasi di messa a dimora di alberi e cespugli da frutta in terreni che prima ospitavano boschi o altre piante arboree è importante eliminare dal suolo residui di radici o ceppaie che possono ospitare Armillaria.

Ora qualche consiglio per una corretta preparazione e distribuzione delle soluzioni contenenti funghi antagonisti come ad esempio i Trichoderma utilizzabili per la prevenzione delle malattie telluriche: il periodo migliore per la distribuzione di questi prodotti “vivi” a base di funghi antagonisti è la primavera e l’autunno quando le temperature e l’umidità del suolo sono favorevoli affinché l’inoculazione dei microrganismi utili abbia successo. I prodotti a base di funghi antagonisti dovranno essere conservati alla temperatura indicata in etichetta ed usati entro e non oltre la data di scadenza. I prodotti dovranno essere distribuiti nel terreno curando una buona e uniforme bagnatura dello stesso. Durante la preparazione della dose e durante la distribuzione dei prodotti a base di funghi antagonisti, anche se si tratta di prodotti biologici” è importante indossare i dispositivi di Protezione Individuale (DPI) di terza categoria: maschera con filtri di tipo AP, occhiali, tuta guanti e stivali.

Al tuo fianco con:

Foto: Micelio di Armillaria sotto la corteccia

Fondazione Minoprio

La Fondazione Minoprio è essenzialmente un Centro di Formazione e un Centro di Servizi per il Lavoro che gestisce un parco storico, agricolo e naturalistico, a 25 km da Milano e 10 da Como, di proprietà della Regione Lombardia.