CONTENT CARD

Le Content Card sono i biglietti dei corsi che puoi trovare e acquistare direttamente nei negozi e nelle rivendite agrarie. Ciascuna Card ha un codice da riportare nel riquadro sottostante per confermare la tua iscrizone al corso, dopo averlo già acquistato in negozio.
Se hai già una Content Card, il codice da inserire è evidenziato nel rettangolo rosso di esempio.
Se invece non hai una Content Card, puoi acquistare il corso direttamente qui sul sito scegliendo l’opzione Carta Prepagata.

CARTA PREPAGATA

Se non hai già acquistato in negozio una Content Card per i corsi di potatura, non preoccuparti! Puoi comprare il corso direttamente qui! Una volta completato il modulo di iscrizione potrai procedere al pagamento. I metodi di pagamento accettati sono: carta di credito, carta prepagata. Non è possibile pagare con bonifico bancario e con carta Postepay.

In autunno anche numerosi insetti sono ancora attivi e si preparano a sviluppare le proprie progenie che nasceranno nella primavera successiva. In questo periodo vanno a collocarsi tra gli interstizi della corteccia oppure tra i residui vegetali morti, come le foglie cadute, in mezzo all’erba ai piedi dell’albero o nei rami secchi. Un intervento ben eseguito nel frutteto, in autunno, contro la cocciniglia o contro le forme svernanti di alcuni afidi, effettuato con insetticidi e oli bianchi, consente di ridurre moltissimo la popolazione degli insetti che potrebbe nascere nell’anno seguente. La somministrazione attraverso pompe irroratrici come il modello a carriola a batteria garantisce una lunga autonomia di lavoro e precisione nella nebulizzazione.

Guarda anche

Le basi della potatura delle piante da frutto – Corso gratuito con Antonio Velonà

Rivedi le registrazioni dei corsi digitali gratuiti sulla potatura delle piante da frutto trasmessi in diretta il 17 ottobre 2020. Anche quest’anno siamo al vostro…
Le basi della potatura delle piante da frutto – Corso gratuito con Antonio Velonà

Pulizia e potatura

Un altro lavoro da fare nel frutteto in autunno sono gli interventi di potatura. Si recidono i rami secchi, quelli affetti dal cancro rameale, rotti dal peso dei frutti, le cime dei rami di pesco affetto da bollosi, quelle di melo da mal bianco e infine le mummie (frutti sclerotizzati dalla moniliosi) rimaste sulle piante. Terminate le operazioni di potatura, le foglie, le ramaglie di scarto e tutto il materiale devono essere allontanati dal frutteto e bruciati.

I trattamenti meccanici si eseguono prima o durante la caduta delle foglie. La pulizia del colletto, del fusto e dei rami principali con spazzola di fibra vegetale o di ferro, secondo la consistenza della corteccia, può rivelarsi utile per eliminare uova, larve e pupe di parassiti ma anche muschi e licheni. Spesso infatti i parassiti trovano riparo in questi punti. La pasta per tronchi da spennellare o irrorare sulle parti grosse della pianta costituisce un altro mezzo di prevenzione delle malattie fungine come la bolla del pesco, la momiliosi, la ticchiolatura, l’oidio e varie forme di cancro. Il taglio dell’erba e la pulizia accurata del terreno nei pressi delle piante impedisce ai parassiti di utilizzare le infestanti come ospiti secondari.

Lavorazione e concimazione del terreno

Lavorare il terreno del frutteto in maniera adeguata è fondamentale per mantenerlo in forze e permettere alle piante di superare la rigida stagione invernale. I lavori nel frutteto in autunno hanno lo scopo di arieggiare lo strato superficiale e l’interramento dei concimi. Durante tale periodo è eseguita una concimazione per arricchire il terreno di elementi nutritivi che si renderanno disponibili in coincidenza della ripresa vegetativa primaverile. Si utilizzano concimi a lento effetto e si distribuiscono con quest’operazione circa un terzo del fabbisogno di azoto e la totalità di fosforo e potassio. L’eventuale distribuzione di fertilizzanti organici è fatta ogni 3/4 anni sempre in autunno. Ciò consente agli elementi nutritivi in essi contenuti di essere mineralizzati e quindi trasformati in forme disponibili all’assorbimento radicale. Essi sono solitamente interrati nelle interfila con una lavorazione meccanica.

Messa a dimora delle piante

Gli alberi da frutto possono essere acquistati in vaso se si tratta di sempreverdi (agrumi e olivo), mentre le caducifoglie sono solitamente a radice nuda. L’autunno è il periodo ideale per mettere a dimora le piante, perché dà il tempo necessario a rafforzare il loro apparato radicale, in vista del risveglio vegetativo primaverile. Nelle località soggette a forti gelate e dove il terreno è molto umido, è invece preferibile rimandare l’operazione a febbraio – marzo.

Prima della messa a dimora occorre ispezionare l’apparato radicale ed eventualmente eseguire un raccorciamento, asportando in particolare le radici lesionate durante il trasporto.  Al momento della piantagione, s’immergono le radici in una miscela di acqua, terra fertile e fine, e letame bovino fresco in parti uguali (inzaffardatura) per almeno trenta minuti. Lo scopo è quello di rivitalizzare in tempi rapidissimi le radici disidratate dal prolungato contatto con l’aria e fornire sostanze nutritive “di pronto impiego”, utili nella fase di attecchimento.  Anche per gli alberi da frutto in vaso è sempre preferibile piantumare durante il periodo di riposo vegetativo, sebbene la presenza del pane di terra consenta la messa a dimora anche in altri periodi dell’anno.

>> Non perderti i consigli sugli errori da evitare nella potatura delle piante da frutto!

>> L’articolo ti è stato utile? Iscriviti alla nostra newsletter gratuita con i consigli di coltivazione!

Al tuo fianco con:

Frutteto in autunno

Agr. Antonio Velonà

Agrotecnico Antonio Velonà, docente di pratiche agrarie, adesso in pensione, ha svolto la sua attività nell’indirizzo agrario dal 1974 al 2017 presso l’Istituto d’Istruzione superiore “V.F. Pareto” di Milano. Nella sua lunga carriera ha coordinato tutte le attività di laboratorio inerenti al frutteto, le serre e il giardino. Dal 2001 al 2005 ha collaborato come docente con la Fondazione Minoprio nei corsi di formazione professionale