La pacciamatura, ossia la copertura del suolo con materiali sintetici ha un effetto positivo anche nei confronti dell’acqua, limitando l’evapotraspirazione, mantenendo così più umido il terreno. Per piccole superfici possono essere utilizzati materiali organici facilmente reperibili, come la paglia, il fogliame, gli aghi di pino, l’erba falciata (preferibilmente non matura, per limitare la diffusione dei semi). Una tecnica molto efficace è rappresentata dalla copertura del terreno con cartoni da imballaggio coperti, poi, con uno strato dei materiali sopra citati.

Al tuo fianco con:

Foto: Piante di pomodori secche

Agr. Antonio Velonà

Agrotecnico Antonio Velonà, docente di pratiche agrarie, adesso in pensione, ha svolto la sua attività nell’indirizzo agrario dal 1974 al 2017 presso l’Istituto d’Istruzione superiore “V.F. Pareto” di Milano. Nella sua lunga carriera ha coordinato tutte le attività di laboratorio inerenti al frutteto, le serre e il giardino. Dal 2001 al 2005 ha collaborato come docente con la Fondazione Minoprio nei corsi di formazione professionale