La pacciamatura

La copertura degli spazi di terreno vuoti tra le piante e tra le file si chiama pacciamatura ed è una tecnica ampiamente utilizzata nelle aziende agricole mediante teli neri di materiale plastico o biodegradabile. Anche nell’orto possiamo praticarla, stendendo i teli sul terreno lavorato, livellato e sul quale possibilmente siano stati poggiati i tubi dell’irrigazione a goccia. Il trapianto avviene successivamente, creando fori sui teli. Di solito i teli biodegradabili sono ottimi, anche se talvolta alcune specie di infestanti hanno la capacità di bucarli con i loro steli affilati e pungenti. Per fortuna comunque questo inconveniente è raro.

Per un orto ad effetto naturale la pacciamatura più consigliata è a base di paglia di fieno o di erba appassita, tutti materiali che possono essere stesi dopo il trapianto delle piantine, o tra le file di ortaggi seminati direttamente in piena terra. Ci sono anche i materiali di riciclo come i sacchi di juta, come quelli che contengono le patate, o i cartoni.

PIÙ EFFICIENZA NEI TRATTAMENTI!

Per proteggere le tue piante da malattie e parassiti ti serve un alleato! Le nostre POMPE ELETTRICHE sono efficienti perché distribuiscono il liquido in modo omogeneo per una copertura perfetta, e sono leggere e comode così fai meno fatica! CLICCA per scoprirle!

L’uso del coltivatore

Se non si ama coprire il terreno con la pacciamatura, l’erba deve essere eliminata regolarmente mediante attrezzi efficaci. Il coltivatore a tre denti è uno dei migliori per questa funzione. Lo si usa muovendo il manico sul terreno, senza dover incurvare la schiena, e facendo in modo che l’organo gratti gli strati superficiali, estirpando l’erba e al contempo rompendo le eventuali croste superficiali o le crepe, ossigenando in questo modo il terreno con un effetto molto positivo. Solo che questo attrezzo può essere utilizzato solo se l’erba è appena germogliata, perché più avanti non sarà più facilmente in grado di estirparla.

Zappare: che fatica

Quando l’erba è cresciuta oltre un certo stadio, non resta che zappare. Sembra scontato, ma anche questo lavoro richiede una certa tecnica, affinabile col tempo per ridurre l’impegno fisico. Chi è alle primissime armi con la coltivazione dell’orto può incappare in errori come l’impugnatura troppo bassa del manico della zappa, o un piegamento eccessivo della schiena, o la sollevazione troppo in alto dell’attrezzo prima di ogni colpo nel terreno. Col tempo si può imparare a dare delle zappettate energiche ma piccole, senza creare buche nel terreno. Infine, è bene ricordare che si zappa andando avanti, contrariamente a quanto si fa con la vangatura che richiede di andare all’indietro.

Erbe particolarmente invasive

Ci sono specie vegetali particolarmente invasive, le quali hanno sviluppato meccanismi tenaci di sopravvivenza e di riproduzione. È il caso della gramigna, ad esempio, che sviluppa lunghi steli striscianti a livello della superficie del suolo. Il lavoro della zappa in questo caso è controproducente perché non fa altro che spezzettare questi steli, ciascuno dei quali può dare vita ad un nuovo individuo, pertanto, è meglio estirpare manualmente le intere piante che si smuovono durante la fase di vangatura. Altre specie caratterizzate da modalità di propagazione estremamente aggressive sono il convolvolo e la sorghetta, mentre il romice con la sua radice fittonante che va in profondità è difficile da estirpare.

La scerbatura manuale

La scerbatura manuale, ovvero la classica eliminazione dell’erba a mano, si rende necessaria per pulire in prossimità degli ortaggi, perché andandovi troppo a ridosso con la zappa si rischierebbe di colpirli. Capita per esempio che spunti erba proprio tra i buchi del telo da pacciamatura, insieme alla piantina dell’ortaggio, e in quel caso bisogna per forza intervenire manualmente. La scerbatura è importante anche per tenere pulite alcune specie a lenta germinazione, come prezzemolo o carote, che si riempiono velocemente di erba anche lungo la fila, perché sono poco competitive nelle loro prime fasi di crescita.

Cucinare le erbe spontanee

I terreni gestiti ad orto, e quindi costantemente lavorati e arricchiti di compost o letame, tendono col tempo a sviluppare erbe infestanti tipiche, amanti della sostanza organica e dei terreni non compatti. Tra queste figurano alcune specie commestibili come il farinaccio e l’amaranto in primavera, la portulaca in estate, e la borsa del pastore e il centonchio in inverno. Può essere molto interessante imparare a conoscerle e a cucinarle, per smettere di considerarle solo “erbacce”.

Al tuo fianco con:

Foto: Paglia per pacciamatura

Dott.ssa Agr. Sara Petrucci

Sara Petrucci è Dottore Agronomo e da anni si occupa di agricoltura biologica come scelta professionale ed etica. Ha tenuto molti di corsi di orto per privati, ha collaborato a progetti sociali legati all’orticoltura e scrive articoli. Offre consulenze ad aziende agricole biologiche.